lunedì 30 dicembre 2013

Ju Caffè d'Or(z)o 2013 - Comics, Books, Music and Movies

Per vedere i Premi Ju Caffè d'Or(z)o 2012 clicca QUI



Carissimi,
in questo duemilatredici che sta per volgere il suo corso c’è stata tanta carne da cuocere. Tantissima oserei dire.
Perché?
Sono tornati i Daft Punk (dopo otto anni!); il ritorno di Gipi (mica cazzi); ristampe a non finire di capolavori inarrivabili del fumetto; Fantasma dei Baustelle e L’Album Biango dei miei amati Elio e le Storie Tese; Pacific Rim  e tanto altro ancora.
Ecco, quel “tanto altro ancora” ve ne parlerò nelle prossime righe...
...sto per assegnare il premio più chiacchierato (?) della rete.

JU CAFFE’ D’OR(Z)O 2013
delle categorie seguenti: Fumetto, Cinema, Musica e Libri (anno magro invece per le letture ahimè).

Attendevo con fervore questo momento!
Si, voglio parlarvi delle letture che mi hanno fatto gridare di gioia e per lo schifo come voglio enunciare le pellicole e i dischi che mi hanno fatto sciogliere per l’estrema bellezza.
E poi onestamente, stilare le classifiche mi ha sempre affascinato. Per non parlare di come le classifiche acchiappino molto i lettori! Classifiche che tuttavia rimangono personalissime come giusto che sia.
Stilare una top ten o five che sia è il momento in cui cerchi di fare un bilancio dell’attivo (su ciò che ti è piaciuto veramente) e sul passivo, ossia su quei prodotti che vorresti sbarazzartene e che al tempo stesso vorresti capire del perché non funzionano.
Detto ciò...



MUSIC



Nell’ambito musicale sono saltate fuori non si sa quante pubblicazioni!
Non reputo commerciale il bel ritorno de Black Sabbath con 13, come non mi è dispiaciuto per niente il grande ritorno di David “White Duke” Bowie con il sorprendente The next day.
Nella schiera dei giovani ho gradito moltissimo il delizioso album di Raphael Gualazzi, Happy Mistake; tornato in scena sul palco dell’Ariston (QUI e QUI i vari aggiornamenti del festival sanremese.
Altra giovane sorpresa è Renzo Rubino che con Poppins mi ha stupito: un disco frizzante e saturo di ironia. Da tenerne conto. Per me è la Sorpresa musicale dell'anno!
Lightning Bolt del gruppo grunge Pearl Jam mi è piaciucchiato. Nutrivo aspettative molto più alte.
Ma vogliamo parlare dell’hype che mi ha divorato per il disco di Elio e le storie tese?
QUI nella recensione trovate tutto sul perché il complessino milanese è in grande spolvero!
Quali sono stati per me gli album flop?
Vi rispondo senza alcun indugio: Mgmt (?!); Elisa (lagnosa, irriconoscibile) e Placebo.

Ma ora...


giovedì 26 dicembre 2013

Orfani N.3 "Primo Sangue" - Sergio Bonelli Editore




Soggetto e sceneggiatura: Roberto Recchioni
Dissegni: Luigi Cavenago
Colori: Arianna Florean
Copertina: Massimo Carnevale


Passato: Ringo non mette mai da parte l’orgoglio e facendo ciò si mette nei guai.
Viene condannato a morte per insubordinazione nei confronti di un insegnante della base di Dorsoduro.
Creerà non poco scompiglio questo suo smodato orgoglio che dai suoi compagni d’addestramento otterrà una grande reazione. Da una persona in particolare.


giovedì 19 dicembre 2013

Ogni Piccolo Pezzo (di Stefano Simeone) - Recensione Roma da Leggere




Ultimamente ho affrontato tante letture interessanti. Ancora adesso tra le riletture varie (grazie di esistere collana de I classici del fumetto di Repubblica) e le ultime uscite mi è capitato di soffermarmi su dei titoli interessanti.
Ogni piccolo pezzo di Stefano Simeone ne fa parte.
Con l'autore mi ci sono intrattento in QUESTA occasione presso lo stand Bao Publishing, dove ho conosciuto anche Caterina Marietti nonché ideatrice della collana Le città viste dall'alto e il simpatico Alberto Madrigal.
QUI la recensione del suo nuovo lavoro. Buona lettura!

p.s. se dovessi dargli un voto? Seguite la griglia di valutazione postata in alto a destra e...


Signori, avevate la mia curiosità, ma ora avete la mia attenzione: ad un passo dalla assuefazione


Se c'è una cosa in particolare di cui l'autore è riuscito a compiere è la seguente: stuzzicare emotivamente il lettore sul finale. Bastano le sole impostazioni delle vignette.

venerdì 13 dicembre 2013

Libri più Liberi 2013 - su Roma da Leggere


QUESTA esperienza vissuta alla fiera della piccola e media editoria di Roma (svoltasi in zona EUR al Palazzo dei Congressi) non mi ha dato molto, mi ha dato tantissimo.
Io e il mio fotografo di fiducia Ivan abbiamo scorrazzato tra la Tunuè dove ho colto l'occasione di far visita a Daniele "Gud" Bonomo. Conosciuto in QUESTA occasione.
Presso lo stand Bao Publishing ho piacevolmente chiacchierato con Caterina Marietti, alla quale va un grande plauso per aver ideato assieme a Leonardo Favia la collana Le città viste dall'alto: proprio per questa collana sono stati pubblicati Ogni piccolo pezzo e Un lavoro vero di Stefano Simeone e Alberto Madrigal.
Con il primo ho intavolato una bellissima conversazione su Orfani, sul suo numero di Long Wei dove ha praticamente e ovviamente cambiato registro di disegno, per parlare poi del concept del suo nuovo lavoro: basato dunque su alcuni stereotipi per quanto concerne la caratterizzazione dei personaggi e sulla cultura pop in generale. Verrà caricata la recensione sempre per la testata Roma da Leggere.
Stefano mi ha presentato l'altresì gentilissimo Albe Madrigal che mi ha lasciato un delizioso omaggio. Di lui ve ne parlerò molto presto.



Poi sono passato allo stand della Coconino per incontrare Gipi. Ultra simpatico ma anche una persona squisita...
Va bene, non cerco di fare le sviolinate per acchiappare simpatie ma dalla veloce chiacchierata affrontata con lui sono emersi non solo risate e complimenti ma anche delle curiosità. L'unica pecca non dovuta dal fumettista pisano ma per questione di tempistica: non vi era tempo per disegnare sulle copie ma solo semplici dediche. Va benissimo così. Anche perché ne sono certo, mi rifarò in un'altra occasione.

"ndo scappi pè i tetti?"

Soprattutto nella conferenza moderata dallo scrittore e giornalista Marco Lodoli, dove il pubblico ha posto qualche domanda all'autore su unastoria e sul mondo del disegno.
Ottima l'organizzazione. Nulla da ridire.
Per il resto...
Buona lettura!


martedì 3 dicembre 2013

unarecensione di "unastoria" - di Gipi - Recensione Coconino Press


"E’ la modernità che lo domanda."


"Hai capito cosa intendo? 
In pratica, secondo me, la forma che abbiamo, il nostro viso, con gli zigomi, le guance, le fossette, il mento, la bocca, le labbra, tutto questo, queste forme, sono state definite nei secoli dei secoli dallo scorrere delle lacrime. Però non pensare che mi riferisca soltanto alle lacrime di dolore. Certo quelle anche. Per l'amor di Dio, ma penso anche a quelle di gioia o commozione.
No, va bene. in realtà pensavo alle lacrime di dolore. Perdonami. Ho mentito. O meglio, no. Non ho mentito.
Volevo solo edulcorare la cosa. Insomma, non volevo dirti una cosa triste.
Anche se so che tu, così bella solare e sorridente, non sei mai triste.
Guarda il tuo viso, com'è liscio, è liscio. Tu non hai mai pianto figlia mia?"

"Bisogna avere fede
Navigare nello spazio siderale
Presupporre l’aldilà
Che siamo troppo avvezzi a stare male
A proteggerci dal sole
Dalla radioattività"

(Radioattività – Baustelle)




12 Graphic Novelle per un anno presenta...

unarecensione di "unastoria"
di Gipi


Ne è passata di acqua sotto i ponti (come era giusto che fosse) prima che Gipi (al secolo Gianni Pacinotti) tornasse sulle tavole per “acquerellare” quello che è divenuto il suo capolavoro. L’opera massima di un autore, la cui carrriera è costellata dai lavori più che degni di nota fino ad arrivare ai massimi riconoscimenti del pantheon fumettistico italiano ed europeo.