domenica 22 giugno 2014

Terra di China I edizione 2014 - Reportage

TERRA DI CHINA 
14 Giugno 2014
Terracina


L'esempio di quando la dedizione e una sana passione per la Nona Arte prendano vita. Permettendoti di scrivere articoli per eventi come quello che sto per citare.
Il Terra di China organizzato da tre miei concittadini: Andrea Del Duca, Ugo De Rosa (decoratore d'interni e illustratore, per l'evento ha realizzato la splendida locandina) e il simpatico Alarico Felici.

Lo stesso Alarico che l'anno scorso portò Maurizio Di Vincenzo, Marco Soldi, Mauro Laurenti e Cristiano Cucina al ristorante L'Ago nel Pagliaio.

Lo stesso Alarico, il fu collega conosciuto in uno stage e ormai amico.

Terra di China si fa avanti per promuovere la città di Terracina e per avvicinare curiosi e tutti gli appassionati di fumetti Bonelli.

Lo testimonia una sola frase che Alarico rilasciò in una intervista (pressapoco così):

"Organizzo questi eventi perché voglio vedere negli occhi delle persone la stessa meraviglia e la stessa felicità che provo io quando ammiro un artista di casa Bonelli (e non solo) a disegnare."




A rendere questa organizzazione fantastica sono stati ospitate vecchie conoscenze come Maurizio Di Vincenzo, Marco Soldi, Mauro Laurenti e volti nuovi come Marco Foderà (Saguaro), Lola Airaghi (Brendon), Daniele Bigliardo (Dylan Dog) e i ragazzi della rivista orrorifica Splatter che hanno nel pomeriggio tenuto una presentazione della rivista e dell'antologia pubblicata dalla Rizzoli Lizard.
Il tutto svolto nella bella location offerta dalla struttura alberghiera Torre del Sole: dove sono state esposte moltissime tavole degli artisti presenti: tra le tavole dell'ultimo numero di Brendon disegnato da Lola (e QUI recensito) e il Dampyr di Mauro Laurenti, per finire con alcune strabilianti illustrazioni di Marco Soldi e di Di Vincenzo che una volta viste dal vivo i bulbi oculari te ne saranno sempre grati.


La mattina è stata dedicata ai due workshop interessantissimi (quindi bellissimi) realizzati da Mauro Laurenti sulla nascita di una tavola: quindi tutto il passaggio ancor prima legato dal soggetto e dalla sceneggiatura che verrà proposta all'editore e passata (se prima promossa) al disegnatore a cui spetta di dare vita graficamente a quella storia.
Con una esecuzione di una tavola con Zagor protagonista di una suggestiva e divertente sequenza.








Nell'altro workshop Lola Airaghi ha intrattenuto i più piccini con varie dimostrazioni e con un laboratorio di disegno finale.

Tra una chiacchierata e uno sketch con Di Vincenzo e Soldi appartati si torna a casa.


Nel pomeriggio si sono presentati tutti gli artisti per disegnare, firmare le stampe e conversare senza sosta se non con qualche piccola pausa tra una firma e un'altra.
A ogni disegnatore presente è stato sottoposto ad una rapida intervista su quali siano i fumetti che li hanno formati professionalmente e che per gusto personale ritengono siano i loro preferiti (a Di Vincenzo feci questa domanda nell'evento dello scorso anno, parlato in QUESTO articolo).




Marco Foderà, disegnatore (e "vicino di casa") che si presta attualmente per le pagine della creatura di Bruno Enna, Saguaro, ha citato i suoi titoli preferiti:
Tra i disegnatori che apprezza ha citato Goran Parlov e Immonen.



Ken Parker – di Giancarlo Berardi e Ivo Milazzo

Torpedo – di Enrique Sanchez Abulì e Alex Toth

I Fantastici 4 di J. Byrne

Le Sette Vite dello Sparviero – di Cothias e Juillard

Akira – Katsuhiro Otomo




Lola Airaghi (Brendon) ha citato ben dieci titoli che l'hanno formata professionalmente e che per gusto personale li ritiene essenziali.





Una Ballata del mare salato – Hugo Pratt

La Fiera degli Immortali – E. Bilal

Maus – Art Spiegelman

L'Ultima Gioventù – Horacio Altuna

Mort Cinder – H. Oesterheld e A. Breccia

Senza Parole – Carlos Trillo e R. Mandrafina

La Porta d'Oriente – Vittorio Giardino

Velissa: Alla ricerca dell'Augello del Tempo – di Serge Le Tendre e Règis Loisel

Il Canto di Malaterra – di François Bourgeon

Calvin & Hobbes – Bill Watterson



Marco Soldi tira fuori degli evergreen vecchia scuola. Imprescendibili per chi vuole amare/imparare

L'Uomo Mascherato – Lee Falk

Popeye – Elzie Crisler Segar

Tin Tin – Hergè

Little Nemo – Windsor McCay

Watchmen – di Alan Moore e Dave Gibbons


Entrando nella "cucina" di Daniele Bigliardo vengono svelati invece titoli già citati e non solo:

Bone – di Jeff Smith

Watchmen – di Alan Moore e Dave Gibbons

Maus – di Art Spiegelman

Arzach – di Moebius













Al buon Mauro Laurenti sono stati strappati alcuni titoli nel bel mezzo del suo workshop.
Dove ha speso anche belle parole per lo sceneggiatore Diego Cajelli dopo aver collaborato nel penultimo numero di Dampyr.


Il Giuramento (Tex) – Gianluigi Bonelli e Galep

Lo Sconosciuto di Magnus

Gli albi numero 29 e 30 di Zagor: I cacciatori di uomini e La preda umana (di Nolitta e Ferri)

Il Figlio del Diavolo, Dampyr N.1 – di Maurizio Colombo – Mauro Boselli (soggetto e sceneggiatura) e Majo (disegni)














Queste le meraviglie rilasciate al sottoscritto dagli artisti.





In alto a sinistra: Airaghi - Laurenti e Bigliardo (da questi mi sono fatto anticipare una parte di quella che sarà la Fase 2)

Tornati a casa ci si augura una seconda edizione, con l'auspicio di assistere ad un'altra edizione sempre più grande.
Con l'auspicio di far conoscere la città di Terracina agli artisti, agli appassionati Bonelli e del fumetto in toto e ai curiosi.
Che di fatto in molti sono venuti da fuori. E soltanto per questo gli vale una medaglia.

Ci si inorgoglisce ad avere dei concittadini così.


p.s. Sul loro SITO potete suggerire all'organizzazione idee e spunti interessanti per migliorare il servizio del Terra di China.

Nessun commento:

Posta un commento