giovedì 20 giugno 2013

La Profezia dell'Armadillo (Zerocalcare) - "12 Graphic Novelle per un anno"





Un volume regalatomi assieme a "Un polpo alla gola" dal buon Ivan.
E fareste bene a regalarvelo, o a regalarlo.

Il buon Makkox, da bravo talent scout ha scovato l'immaginazione, il vissuto e l’ilarità che vi troviamo in questo tomo. I motivi li spiegherà l’autore di “The Full Monti”  nella sentita introduzione al suo conterraneo.
E proprio Marco Dambrosio ha pensato di produrre la prima opera di questo giovane autore.
Brava la Bao Publishing che ci ha creduto fortemente.

Michele Rech aka Zerocalcare, ne “La Profezia dell’Armadillo” ha steso un bilancio sulla sua adolescenza raccontandoci quello che è stato il voltare di una pagina generazionale.
Bastano le prime pagine fortemente d’impatto per capirlo: il giovane Zero pone degli interrogativi al personaggio che incarna “il tempismo”.




Ci sarà del tempo per rimediare o per confessare l’amore covato per una ragazza,
durante gli anni della gioventù?



Zero può contare sull’Armadillo, il quale rappresenta la sicurezza di sé, la coscienza e anche la spocchia bonaria, qualche volta.
Il mondo di Zero è costellato da continui riferimenti nerd-culturali: alcuni dei quali sono personaggi di film, fumetti e letterati che accompagnano il giovane nei momenti più disparati.
Rincorrendo i miti della propria giovinezza il giovane Zero interagirà con gli amici di sempre, confrontandosi tutti i giorni in una realtà velata d’ironia (vi strapperà più di un semplice sorriso).
Con un’ora buona di lettura non potrete che immedesimarvi e rivivere situazioni a voi capitate nel corso dell'esistenza.
La formula vincente di Michele è quella di saper arrivare ai lettori con un comparto grafico grezzo, minuzioso e semplice al contempo stesso senza fronzoli, con dei dialoghi ogni volta più diretti.

Una pagina tira l’altra, veramente.
Lo scorso anno ne è stata ristampata una versione a colori "8-bit".
Una volta chiuso il tomo si rimane divertiti, ma con un senso d’amarezza.
Come le pagine intrise di questa primo romanzo grafico.
Alla ricerca costante della leggerezza.
Dalle scene undergournd direttamente sugli scaffali.

9 commenti:

  1. Dopo aver letto questo post ho deciso: devo assolutamente leggere zerocalcare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zerocalcare da qualche anno è sotto i riflettori proprio per una meritevole causa: la bravura e lo humor nelle sue vignette :) Acquisto obbligatorio. Per invogliare ancor di più, fai girare questo post :) Un talento da premiare.

      Elimina
  2. Cavolo devo assolutamente prenderlo! purtroppo ho già un casino di cose da comprare ma sono sempre più attirato e interessato a questo autore visto il successo che risquote ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono già usciti fuori i primi commenti da haters, ma giustamente non si tratta di un capolavoro. Glielo dico spesso.
      Ma è un romanzo grafico leggero, divertente e spensierato.
      E' un talento perché sa arrivare al cuore di tutti con la quotidianità raccontata nelle sue vignette.
      Quando puoi, acquista ;)

      Elimina
  3. Io ho paura di finire la scorta, ormai. Ho già letto Armadillo e Polpo, sono a metà di ogni maledetto lunedì e presto non mi rimarrà più NULLA da leggere. Entrerò in crisi d'astinenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è rimasto da leggere solo il Polpo. A suo tempo recupererò Ogni maledetto lunedì su due... Per arginare l'astinenza, meno male che ogni tanto vi sono degli sconti presso le Feltrinelli.

      Elimina
  4. Il battage mediatico che gira ormai da tempo intorno all'autore è forse un tantinello esagerato però la lettura merita e il Rech merita il suo successo. Ne scrissi qualcosiana anche io qui ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può anche darsi, e come abbiamo scritto nei nostri articoli: merita perché con una risata dietro vi è un'amara constatazione della vita sotto certi aspetti. :) Speriamo solo che il successo non intacchi il suo modus scrivendi (non credo). :D

      Elimina