martedì 30 ottobre 2012

Presentazione "Apriti Sesamo" - Roma, 24 Ottobre 2012

G. Castaldo e F. Battiato
presentano...

Foto di: Lorenzo Tribuzio e Rita Torri


"APRITI SESAMO"
Feltrinelli, Via Appia Nuova 427

Roma, 24 Ottobre 2012

"«Or se’ tu quel Virgilio e quella fonte
che spandi di parlar sì largo fiume?»,
rispuos’io lui con vergognosa fonte.                              

«O de li altri poeti onore e lume,
vagliami ’l lungo studio e ’l grande onore
che m’ha fatto cercar lo tuo volume.                              

Tu se’ lo mio maestro e ’l mio autore,
tu se’ solo colui da cu’ io tolsi
lo bello stilo che m’ha fatto onore.»"              

(Divina Commedia, Inferno, Canto I, vv 79-87 - Dante Alighieri)

...l'effetto nel momento in cui sono venuto a conoscenza di questo incontro, è stato più che immediato.
"Mercoledì, 24 Ottobre dell'anno solare 2012, dovrò trovarmi per forza alla Feltrinelli (Via Appia Nuova 427)."
Il giorno precedente era uscito in tutti negozi di dischi l'ultima fatica del cantautore siciliano "Apriti Sesamo".
Anticipato dal singolo promozionale "Passacaglia".
A cinque anni di distanza dal penultimo disco di inediti "Il Vuoto", senza contare giusto appunto i dischi contenenti le cover: "Fleur 2" e "Inneres Auge".







Intanto si comincia ad inforcare la penna e a preparare il taccuino degli appunti, dal quale verranno scritte due pagine piene di spunti e "scarabocchi" sintetici sull'incontro.

Mancavano due ore all'incontro, al mio arrivo era rimasta soltanto una fila vuota di sedie.
La sorpresa è stata la presenza di molti giovani bramosi di vedere da vicino un autore di un certo calibro.
Da considerare questa partecipazione attiva di un pubblico giovane, attento su tutti i fronti culturali e popolari di un passato fiorente.
Mancavano due ore all'incontro... mancavano due ore! Volate che neanche me n'ero accorto.
Le mani cominciavano a sudare e a trasudare l'emozione di chi ha covato negli anni un amore viscerale, durante le sedute musicali a suon di vinili e compact disc.


venerdì 26 ottobre 2012

Kick Ass 2 - N. 3 & 4 (SPOILER)





"Vendicatori uniti, cazzo."

L'unione fa la forza.
Anche di fronte alla gang capitanata da Mother Fucker (un tempo conosciuto come Red-Mist), tra le più infami del mondo dei comics, i vigilanti combattono senza sosta il crimine nonostante la polizia si è posta l'obiettivo di catturare ogni "cialtrone" vestito in calzamaglia.
Partiamo dunque con il terzo e penultimo numero di questa serie, reggetevi forte perché nelle prossime righe non si parlerà della nuova serie di Glee, i Sig.ri Millar e Romita Jr non scherzano!

TOMO 3:
Il secondo di tomo si era concluso con il padre di Dave che si consegna alla polizia, mentendo che egli sia in realtà Kick Ass.
Il cotanto cliccato e chiacchierato paladino più famoso del globo terracqueo.
Il nuovo carcerato riceverà delle visite... davvero sgradite.
E pagherà così Dave Lizeswski per aver fatto fuori il padre di Red-Mist...
Con il sangue paterno.
Al funerale del compianto Lizewski Senior, i bastardi infami guidati dalla mano di Mother Fucker tenderanno una trappola per Dave (pentitosi amaramente per aver coinvolto il padre in una battaglia senza senso contro il crimine).
In suo aiuto interverrà Hit Girl!
Dopo i vari ammonimenti del padre adottivo Chris, torna sulle scene la paladina tascabile nelle strade di New York.
Da lì saranno uccelli senza zucchero per i cattivoni!

TOMO 4:
Per le strade di New York imperversano caos e panico, tutto per mano dell'ultimo e originale villain Mother Fucker (Red-Mist). Manco fosse Bane nell'ultima pellicola di Nolan!
Però i nostri eroi Kick Ass e Hit Girl, aggiungiamoci anche la Justice Forever ostacoleranno i nemici massacrandosi senza tregua alcuna.
Sugli scontri individuali non vorrei rovinare le aspettative dei curiosi, lascio a quest'ultimi di godersi a pieno gli epici scontri.
Sul più bello quando il bene comincia a trionfare sul male, Hit Girl...
...vi dico solo che si metterà in una situazione abbastanza scomoda per salvare Kick Ass.
Ironia, botte da orbi e personaggi caratterizzati alla grande ci lasceranno per un lungo periodo (sigh!)
Millar ha di recente aperto (vedrete poi dal finale) la questione sulla terza serie cartacea; la cui uscita negli U.S.A. sarà prevista per l'anno prossimo.

Anche questa serie non ha deluso le mie aspettative.
Orchestrato e studiato sin dall'inizio. Sarò banale ma non potrebbe essere altrimenti.
Un'opera di intrattenimento da non prendere veramente sottogamba. In essa oltre alle scazzottate contiene dei contenuti da considerare.
Archetipo del supereroe, la famiglia et eccetera.
Recuperatela, ve ne prego.

Voto: 7,5 (Numeri e serie completa)


sabato 13 ottobre 2012

Shingeki no Kyojin Vol 3 - 4 (L'Attacco dei Giganti) di Hajime Isayama

Di 'sti tempi è passata molta acqua sotto i ponti nelle terra nipponica, ma il sottoscritto non ha provato per nulla ad abbeverarsi, né si è chiesto da quale fonte provenisse. A guardarla non prometteva per niente nulla di buono.
Shonen e altri titoli proposti non solo ad un prezzo rinunciabile, ma la qualità delle storie non potevano nemmeno essere paragonate con l'ultimo periodo poco ispirato di Bleach. Per intenderci.
Un periodo abbastanza buio per i manga. Tant'è che vi elenco le serie in corso e vi scrivo in maiuscolo i manga di cui seguo:

Watchmen - la riedizione economica edita Rw Lion
Batman - il reboot di Snyder & Capullo e via discorrendo...
Kick Ass 2 (in uscita l'ultimo volume, quindi giunto quasi al capolinea)
ONE PIECE 
HUNTER X HUNTER
L'ATTACCO DEI GIGANTI
Devil e i cavalieri Marvel
Hulk e i Difensori 
Si cerca di recuperare Monster Deluxe (TERMINATA)
Rat Man Collection
Dylan Dog

In realtà ho in sospeso tre serie manga: Bleach e Naruto in fase abbastanza calante (si cerca quindi di leggiucchiare le scans), e Detective Conan che pare regga ancora il timone rispetto alle ultime due citate.
Per il resto, si collezionano 3 SERIE MANGA contro 7 SERIE TRA NOSTRANE E AMERICANE...
Se vogliamo parlare anche dei tempi d'uscita: One Piece è trimestrale, meno male che con il manga di cui sto per recensire "L'Attacco dei Giganti" ha la cadenza bimestrale, per Hunter x Hunter negli ultimi 3-4 anni si da alla latitanza! Però a Dicembre uscirà il 30esimo volume (finalmente una cazzo di conclusione della battaglia contro le Formichimere!). Ma poi?! Chi s'è visto s'è visto!
In un futuro non molto lontano dovrà per forza recuperare Berserk (a detta di molti anch'essa tra le serie calanti, vedremo.)

Serpeggiava prima ancora della sua uscita, la notizia di questo manga, uscente fresco fresco vincitore dal "Kodansha Manga Award" edizione 2011, e delle prime scan già tradotte.
Spulciando le scan, è stato come guardare la ragazza che si trova al bancone del bar sola soletta a sorseggiare un cocktail. Carina, non ha rotondità eccessive ma è molto simpatica.
Così si vuole rompere il ghiaccio e conoscerla, buttando a caso qualche frase o aneddoto, e qualsiasi altro argomento si possa affrontare.
Ci si fa lasciare il numero di telefono e per giunta (dalla creazione di Mark Zuckenberg in poi) ci si contatta su Facebook. E ci si rincontra per conoscersi meglio l'uno con l'altro. 
Col passare del tempo sta a noi coltivare questo rapporto, dall'evolversi delle vicende; se interromperlo (rimanendo comunque amici, dipende dai casi) o meno.
Ecco. 
Shingeki no Kyojin metaforicamente parlando.

Scritto e disegnato da Hajime Isayama (nel Sol Levante è in corso dal 2009), la storia narra dell'invasione misteriosa, accaduta cento anni prima da parte dei giganti dalle sembianze umanoidi, devastarono il villaggio e dimezzarono brutalmente gli abitanti.
I superstiti crearono una cinta muraria alta cinquanta metri per un'eventuale invasione. 
Talmente fortificata e alta che un gigante di quelli non potrebbe sfondarla tanto facilmente.
Moltissimi anni dopo un gigante alto cinquanta metri riuscì a superare e quindi a far breccia nella cinta muraria per farsi beffa di molti umani divorandoseli poi voracemente! Come è possibile?
Eppure serpeggiava tra gli abitanti superstiti un'altra ipotesi, che questi terrificanti giganti invadessero e si mangiassero gli umani non tanto per sostentamento, ma per divertirsi e incutere terrore!
Eren, un ragazzino aspirante combattente, vuole sterminare una volta per tutte i giganti e uscire dalle mure per visitare il vasto mondo che lo attende.

I primi due tomi promettevano bene, dal terzo la situazione cambia radicalmente la storia!

Vol 3: (SPOILER)
Eren si scopre che può manovrare il corpo di un gigante (da esso è stato divorato nel primo volume).
I rappresentanti dell'esercito lo sottoporranno a un interrogatorio, Eren dovrà giurare fedelmente all'armata e manovrare il gigante per combattere la prossima 'invasione nemica imminente.
Per aiutare quindi la comunità a sopravvivere.
Mikasa (la sorellastra di Eren) lo supporterà e gli farà evitare rogne da chi lo vuole condannare come nemico per il villaggio.
Poco prima della scomparsa di Grisha, il padre biologico di Mikasa e adottivo di Eren, lasciò al figlio acquisito una chiave per entrare nella cantina, per avere delle informazioni necessarie sul mistero dei giganti.
Si vedrà il corpo dell'esercito impegnato contro la prossima invasione, ma avendo elaborato in breve tempo una strategia avente Eren capace di guidare un gigante, si concluderà la battaglia con un buon esito.

VOL 4: (SPOILER) - prestatomi da Ivan

Dopo il successo che ha portato speranza nel villaggio, Eren e gli altri aspiranti soldati sosterranno delle lezioni teoriche sulle strategie di guerra, esercizi per affrontare a viso aperto e senza timore il pericolo del momento.
Si ha il tempo di vedere l'autore, scavare nella psicologia di ogni personaggio, svelandone difetti e pregi... e punti deboli che potrebbero costare dazio dal principiante al più valoroso degli aspiranti cacciatori di giganti.
In fine si vede Eren imprigionato in una segreta dall'esercito, per interrogarlo nuovamente sulla sua natura.
Lasciando tuttavia in sospeso la questione sulla verità dei giganti custodita nella cantina di Grisha.


I giganti sono rappresentati in modo molto anatomico e grottesco. La maggior parte del pubblico non ha gradito il suo stile, reputano l'autore addirittura come un incapace.
La storia contiene dagli elementi shonen (valorosi personaggi che si battono per avere successo nella loro impresa, molto giovani), elementi seinen perché le scene d'azione sanguinolente sono disegnate egregiamente nel dettaglio, e induce il lettore a concentrarsi poiché vi sono contenute strategie o dialoghi da seguire con attenzione.

Come bisogna seguire con molta attenzione la storia in sé.
All'orizzonte si prevedono colpi di scena e rivelazioni varie...
Attendete e dategli fiducia.
Coltivate anche voi questo talentino. Un po' come nel rito dell'asta fantacalcistica, prendi un giovane low cost dal margine di crescita promettente.

Voto: 7/10












mercoledì 10 ottobre 2012

The "Dark" Passenger - "Dexter il Vendicatore" (di Jeff Lindsay)


"Ciò che mi ha reso ciò che sono mi ha lasciato un vuoto dentro, rendendomi incapace di provare sentimenti. Non sembra una grande perdita. Sono piuttosto sicuro che la maggior parte della gente finga parecchio nei contatti umani quotidiani. 
Io, invece, fingo in tutto. Fingo molto bene, senza provare mai alcun sentimento."


(Dexter Morgan)

"<<C'è un sacco di gente che se lo merita, Dex...>> 
E con quelle poche parole dà una forma alla mia vita intera, a tutto me stesso, a chi sono e cosa sono. Quell'uomo meraviglioso che vede tutto e sa tutto. Harry. Il mio papà. 
Se solo fossi stato capace di amare, avrei amato Harry."


(Harry Morgan)


Col passare delle puntate (trangugiate ogni sera dopo che ero tornato dallo stage invernale in albergo), a parte la lunga parentesi  si scopre che è stata tratta da una saga di romanzi, scritti da Jeff Lindsay.
Tutti editi Mondadori.
La serie tv dai primi episodi della prima stagione crea una dipendenza mai sperimentata nel mio sistema nervoso.
In America da poco stanno trasmettendo la settima stagione, in Italia vedrà la luce verso metà Novembre su Fox.

sabato 6 ottobre 2012

Superior (M. Millar - L. Yu)

"Quando la giornata era così brutta, faceva così fatica a parlare che non riusciva correttamente a pronunciare il suo nome.
Erano queste le cose che gli davano più fastidio.
Non dover più abbandonare più i suoi sogni o non riuscire più ad andare a scuola.
Erano le piccole cose che gli mancavano.
...come correre al piano di sopra... o stare con i suoi amici...
o strappare la plastica da un cofanetto nuovo di dvd...
La sclerosi multipla spezza il legame tra il tuo cervello e alcune funzioni motorie a caso.
Alcuni dicono che sia come venire sepolti vivi sotto la propria pelle.
Credo che sia una definizione molto precisa."

(Simon Pooni)


Nel "Mark Millar World" stanno turbinando tante di quelle storie che ben presto gireranno tra le nostre edicole... e nelle sale cinematografiche! Matt Vaughn (regista della traposizione cinematografica di Kick Ass) ha comprato i diritti per farne la sua versione in pellicola!
Mi spiace dirlo però che Superior sebbene sia un inno al mondo superoistico degli anni d'oro e dell' attore Reeve (che vestì i panni di Superman del film uscito nel 1978) e al regista Donner, non mi ha suscitato particolari emozioni: ad esempio lo stupore che si prova in una scena di suspance di Kick Ass, il divertimento e la caratterizzazione dei personaggi. Tutti basati su dei cliché già esistenti.
Però, essendo un idillio al mondo dei supereroi americani, non si può pretendere altro.
Torna una tra le menti più ispirate del momento, Millar. Dopo l'enorme successo di Kick Ass (fumetto e pellicola del già citato Matt) e la notizia del suo seguito

TRAMA VOL 1
Simon Pooni è condannato ormai da qualche anno sulla sedia a rotelle per colpa della sclerosi multipla.
Un tempo era una stella nascente del basket nel circuito scolastico, aveva intorno tanti amici.
Successivamente si allontanano tutti gli amici dai quali si era circondato. Tranne Chris.
In una notte stranamente fa visita al giovane Simon una... scimmia con una tenuta da astronauta!
Ormon è il suo nome.
Eh si, strano ma vero.
Ormon gli chiede in cosa vorrebbe diventare di modo che la scimmia realizzi questo desiderio.
Il dodicene Simon decide di trasformarsi nel suo supereroe preferito: Superior.
Protagonista di una serie a fumetti e divenuto fenomeno del grande schermo negli anni passati.
Adesso in pochi coltivano la passione per questo personaggio, molti lo considerano ormai un supereroe datato.
Non per Pooni.
Una volta trasformatosi stenta a crederci (già guardandosi allo specchio.)
I suoi genitori crederanno sia stato rapito.
Si fionda subito in casa del suo migliore amico (anch'esso incredulo dinanzi alla rivelazione).
Chris gli darà man forte per allenarlo, per sviluppare così i suoi super poteri.
I quali verranno sfruttati per salvare il mondo.
Chi ne ha veramente bisogno.

TRAMA VOL, 2
Dopo aver collaudato con l'aiuto di Chris, il suo arsenale di super poteri potrà dar finalmente sfoggio in mondo visione delle sue capacità (poco più di metà albo per sbatterti in faccia le gesta buone di Superior: "ma quanto so figo a salvare questo, o ma quanto son bravo ad asciugare le lacrime della gente sollevando tonnellate di acciaio e quant'altro di pesante possa essere sollevato da queste braccia possenti." Oggettivamente, anche se di tratta di un modello che ha come punto di riferimento Superman e i super eroi in genere, non si possono sorbire in gran parte del volume soltanto spudorate scene di azione.
Lo scambieranno per l'attore che interpreta Superior nell'ultimo film, un grande misunderstanding che preoccuperà non poco l'attore Tad Scott.
La giornalista Maddie, di una rete televisiva molto seguita darà la caccia al super eroe pur di intervistarlo.
Superior non passa di certo inosservato, di fatti il presidente stelle e strisce Barack Obama coglierà l'occasione di fargli i complimenti e di attuare una strategia per placare una volta per tutte la guerra in Medio Oriente.
Nel frattempo Chris viene fermato dal solito bulletto che ha tormentato di recente anche Simon Pooni, e quest'ultimo, ormai nei panni di Superior gli darà una lezione che difficilmente dimenticherà.
Ormon intanto si prepara per negoziare con Pooni, E recluta una conoscenza di Simon piuttosto arrabbiata, cerca di vendetta.

TRAMA VOL. 3
Superior cessa una volta per tutte la guerra in Medio Oriente!
La stampa va in delirio! Le gesta del misterioso supereroe sono ormai conosciute in tutti i continenti!
Simon sarà invitato a casa di un noto volto del giornalismo, poiché brama di farne un servizio con gli attributi. E chi non potrebbe essere se non Maddie? Molto provocante in qualche vignetta.
Ma sul più bello entra in scena Ormon, gli ha concesso una settimana di tempo per mettere alla prova le sue capacità e di decidere se rimanere nel corpo del super eroe che ha sempre sognato di vestire i panni, dando in cambio la propria anima, oppure di condurre il resto della sua esistenza in un misero corpicino di un dodicenne affetto dalla sclerosi multipla.
La decisione di Simon però gli si ritorcerà contro, e non appena Maddie lo trova nei panni di un dodicenne lo consolerà in tutti i modi. Facendogli capire che rifiutando lo scambio di Ormon si vive ugualmente e nella vita si può puntare in alto comunque con delle rivincite.
Ormon però va ugualmente su tutte le furie e con il soldato reclutato da poco, lo equipaggerà con tanto di trasformazione...

TRAMA VOL. 4
Simon ha poco tempo per trasformarsi ancora un Superior, ma questa volta per combattere la nuova minaccia che sta incombendo su New York!
Abraxas! Il nemico storico appartenente infatti alla saga di Superior!
Sotto le spoglie si nasconde però un ragazzino noto a Simon e ai suoi coetanei...
Si sa, in queste storie si percepisce già dall'inizio quale sarà l'esito...

Giudizi personali (orientati un po' da un punto di vista oggettivo dell'opera), è una  metafora sulla seconda chance di tutte le persone, ostacolate da una patologia o da qualsiasi altra situazione, ambiscono per puntare al successo nella vita di tutti i giorni. Persone prive di super poteri ma che non demordono per combattere ciò che la realtà esterna gli propone.
La matita di Yu in varie tavole contribuisce nella sua forma ottimale, ma in altre vengono comunque apprezzate nonostante qualche piccolo neo.  Rimane pur sempre un buon tratteggio.
Vale l'acquisto, di questa parabola sui comics americani che incarna perfettamente i suoi valori.


Votto: 7/10


















lunedì 1 ottobre 2012

Report Romics 30th September...+ ANTEPRIMA RECENSIONI

Un ritorno tanto atteso, dopo cinque lunghi anni, nella Nuova Fiera di Roma per il Romics XII edizione!
Ad accompagnarci si è offerto volontario il Sig. Vincenzo (per il quale si nutre già tanta stima e simpatia), nonché padre del nostro amico Ivan (un servizio fotografico come al solito stellare, fidati.)
Una volta arrivati, ho provato a chiedere la riduzione del costo del biglietto per i copslayer, ma essendomi travestito da iena tarantiniana dovevo avere comunque un oggetto che avesse una certa peculiarità. Il mio travestimento non andava bene per questo motivo. E vabbè... mi becco il biglietto a prezzo pieno.
Poco importa però perché ci si perde tra gli stand e tra i cosplayer (moltissimi li abbiamo fermati per farci le foto, e colgo l'occasione di fargli i complimenti. Bravissimi.)
Nella foto potete vedere gli acquisti che ho fatto con immenso piacere, vi figurano: Watchmen 1 della RW Lion (ristampa molto gradita!); Rat Man Collection 47 (pezzo quasi introvabile); Tutto Rat Man primissime stampe dal 2 al 6 pagati 12 euro anziché 18! Gentilissimo il signore dello stand; Rat Man Collection N. 59 e 61; 300 pagato a soli 5 euro di Frank Miller! Avendo visto il film dovevo recuperare la graphic novel assolutamente.
Gran parte degli acquisti incentrati sul recupero di un fumetto che amo di anno in anno sempre in crescendo. E pensare che manca poco alla sua conclusione! Speriamo sia una bufala piuttosto...
Non si smette di ringraziare il nostro autista e il fido Ivan per questa giornata!
Dopo una fiere del genere si torna sempre a casa con uno spirito fanciullino in più.
Le altre foto lasciano vagamente "ma dico vagamente" immaginare le prossime recensioni....
Fletto i muscoli e sono nel vuoto.
Alla prossima!

Servizio di Ivan B.