mercoledì 10 ottobre 2012

The "Dark" Passenger - "Dexter il Vendicatore" (di Jeff Lindsay)


"Ciò che mi ha reso ciò che sono mi ha lasciato un vuoto dentro, rendendomi incapace di provare sentimenti. Non sembra una grande perdita. Sono piuttosto sicuro che la maggior parte della gente finga parecchio nei contatti umani quotidiani. 
Io, invece, fingo in tutto. Fingo molto bene, senza provare mai alcun sentimento."


(Dexter Morgan)

"<<C'è un sacco di gente che se lo merita, Dex...>> 
E con quelle poche parole dà una forma alla mia vita intera, a tutto me stesso, a chi sono e cosa sono. Quell'uomo meraviglioso che vede tutto e sa tutto. Harry. Il mio papà. 
Se solo fossi stato capace di amare, avrei amato Harry."


(Harry Morgan)


Col passare delle puntate (trangugiate ogni sera dopo che ero tornato dallo stage invernale in albergo), a parte la lunga parentesi  si scopre che è stata tratta da una saga di romanzi, scritti da Jeff Lindsay.
Tutti editi Mondadori.
La serie tv dai primi episodi della prima stagione crea una dipendenza mai sperimentata nel mio sistema nervoso.
In America da poco stanno trasmettendo la settima stagione, in Italia vedrà la luce verso metà Novembre su Fox.


Un assurdo (e plausibile) concatenarsi di colpi di scena, poi le performance come quelle di un bravissimo Michael C. Hall nelle vesti del protagonista:  ematologo di giorno e killer di notte, Dexter Morgan.
I sceneggiatori della serie televisiva non hanno fatto rimpiangere il protagonista cartaceo, anzi, l’operato risulta più godibile e ne giova parecchio intrattenimento rispetto ai romanzi. Mai visto.
“Dexter il vendicatore” parte con il primo (di una lunghissima serie) di monologhi interiori, il macellaio di Bay Harbor riflette così, riversando in un flusso di coscienza i suoi timori e i suoi pensieri quotidiani.
Un killer agile e silenzioso, punisce solamente “chi se lo merita per davvero.”
Un pensiero concepito dal suo mentore, il papà adottivo Harry Morgan, lavorava anche egli per il dipartimento di polizia di Miami.
Secondo il quale, bisogna uccidere chi opera nel male e chi riversa il male contro gli innocenti.
Posti successivamente su un altare (di plastica e nastro adesivo, tipico modus operandi di Dex) e condannati una volta per tutte.
Nella vita quotidiana Dexter Morgan svolge presso la omicidi il lavoro da ematologo, dall’altra parte nella buon costume, vi troviamo la sorellastra Debra Morgan.

"Sono stato adottato e cresciuto da Harry e Doris Morgan, i genitori di Deborah.
E, considerando quello che sono diventato, hanno fatto un ottimo lavoro, non trovate?
Sono morti tutti e due. Quindi Deb è l'unica persona al mondo alla quale se vivo o muoio possa importare più di una scoreggia di opossum.
Per qualche ragione insondabile, lei mi preferisce vivo.
Mi sembra gentile da parte sua e credo che, se mai dovessi provare sentimenti per qualcuno, sarebbe per Deb."

Tra i due vi è un rapporto intenso, sulla stessa lunghezza d'onda che li porterà durante la storia in stretto contatto.
Come fossero fratelli carnali.
Al di là se fossero stati fratelli biologici o meno, un rapporto tra fratellastri va avanti. Punto.
A Miami si aggira da qualche giorno "il killer del camion frigo", costui miete le sue vittime amputando ogni arto e le congela. E prima che vengano trovate le conserva in un congelatore... ma di quale congelatore potrebbe trattarsi per un abominio del genere?
In contemporanea Dexter miete le vittime cattive, ponendosi come già detto parecchie riflessioni (talvolta l'autore ne fa un grande abuso a tal punto da disorientare il lettore).
A parte ciò lo stile narrativo è semplice, velato anche di ironia in diverse scene.
I background dei personaggi per nulla scontati, di cui uno, è molto frivolo di carattere, roba che nella serie televisiva ne hanno messo su un personaggio di una certa autorità.
Consigliato per chi voglia gustarsi una lettura leggera e appassionante allo stesso tempo.
Garantito.
Non scordatevi nemmeno della serie tv che non sto qui a dirvelo...tra le migliori mai viste.
Vi mozzerà il respiro fino all'ultima pagina.



















Nessun commento:

Posta un commento