giovedì 6 settembre 2012

Amazing Spider Man 585 - 50 anni di Tessiragnatele!


1962-2012
Sul numero 15 della collana "Fantasy" uscì il primo albo del Tessiragnatele divenuto poi conosciuto da tutti gli appassionati e non, disegni di Steve Ditko e padre di Peter Parker, Stan Lee.
In Italia dopo le pubblicazioni della Corno Ed. saranno targati Panini Comics (Marvel Italia).
A memoria d'uomo uno sceneggiatore del calibro di Stan Lee se ne saranno visti pochi, da contare sulle dita della mano.
Si festeggia con il numero 585 in Italia il 50esimo anniversario del principale mondo targato Marvel!
Esso contiene i numeri 678 e il numero 679: la prima e la seconda parte di "Ho Ucciso il Domani" del duo Slott/Ramos.
Colgono l'occasione di omaggiare le varie saghe fantascientifiche: "Dr Who", "Ai Confini della Realtà" e la trilogia di Zemeckis "Ritorno al Futuro".
Giust'appunto Peter, entrato da poco nella Horizon Labs, sarà impegnato a salvare il domani da un imminente catastrofe, assieme ad un suo collega, quest'ultimo ha creato un collegamento con un universo parallelo orientato di un giorno in avanti.
Nella New York del sindaco dell'ex editore del "Daily Bugle", nel frattempo si tiene una parata per la piccola nazione est-europea dei Symkaria; uscente molti anni fa da una brutta situazione bellicosa. 
Rispetto all'ultimo numero (584, quello del primo episodio "Il diavolo nei dettagli" interessantissimo, ma l'episodio "I sinistri sei" non convince molto, voto 6,5), ho apprezzato personalmente questo albo, compresa la terza parte delle Guerre Segrete, dove l'Uomo Ragno e altri supereroi Marvel, sarà totalmente impegnato nella lotta contro Galactus. Buoni i disegni di Ramos e altrettanto buona la storia di Dan Slott. Si prevedono nei prossimi numeri succulenti novità del ciclo narrativo ragnesco.
Per celebrare il 50esimo anniversario la Panini ha pensato di inserire la primissima storia del 1962 di Amazing 15 colori  restaurati da Jean-Francois Beaulieu.

Storia: 7
Disegni: 7



4 commenti:

  1. storie deludenti, potevano fare molto di più per i 50 anni di spider man e i 25 anni della collana uomo ragno - spider man. si vede che la direzione ha preferito incentrare, come disney vuole, sui personaggi di punta, ovvero quelli dei film. ormai spider man è allo sbaraglio, nei vendicatori si comporta in maniera più stupida del "fu" speedball degli anni 90. sulle sue testate, invece, storie frivole con sottotrame slegate e che si conludono in niente. rimpiango gli anni 70 e le storie -con vere soototrame- magicamente ochestrate, sob!
    infine, anches e mai su amazing spide rman arriverà un grande autore, potrà fare ben poco perchè sarà costretto a tenere la sua run icnentreata sul megaevento del momento. straczinski, o come chiavolo si scrive, ha dovuto conludere (e cambiare) molto prima il suo ciclo per via che peter si è smascherato in civil war.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengono rimpiante le storie degli anni 70 dalle chine di Romita Senior in coppia fissa con Stan Lee "il sorridente".
      E tante altre di cui non sto a citare...
      Queste sono storie passabili ma nulla di più, Spidey ha già dato.

      Elimina
    2. cosa vuol dire che Spidey ha già dato? è forse il personaggio da sempre più famoso di casa marvel, non ha avuto bisogno dei cartoni degli anni 90 come per gli x-men o, dei film come i vari avengers per farsi conoscere (ed amare) da chi non legge fumetti. e adesso lo mettiamo da parte e, gli rifialiamo autori che valgono zero? Slott è valido? no. zeb wells? ma per l'amor del cielo!
      spider man ha perso qualità per una semplice scelta, la disney non ha i diritti per i suoi film e quindi punta su altri personaggi. comportamento vergognoso.

      Elimina
    3. "Ha già dato" per quanto riguarda la scelta degli sceneggiatori e disegnatori, paragonandolo con gli anni 70 e 80.
      Infatti la storia sui Sinistri Sei non mi ha convinto neanche un po'.

      Elimina